Sale Integrale per addolcitori

Sale integrale addolcitori - cloruro di sodio

Sale integrale per addolcitori – Cloruro di sodio, ovvero del semplice sale grosso, fornito in sacchi da 25 Kg utilizzato principalmente per impianti ad elettrolisi del sale.

Formati Disponibili

  • Sacchi da 25 kg

Sale Integrale

Cosa è il Sale Integrale o Cloruro di Sodio

Il sale integrale non è altro che un sale ricavato dall’acqua del mare, esattamente come il sale comune, il salgemma e il sale da cucina, per questo motivo si identifica con il nome di cloruro di sodio avente formula chimica NaCl.

L’effettiva differenza che si ha tra il cloruro di sodio e il sale integrale sta nel grado di purificazione, in quanto il sale integrale risulta meno raffinato del sale comune; infatti, non segue i normali processi di lavatura e asciugatura del sale ma rimane umido e solo successivamente seguirà un processo di centrifugazione e asciugatura.

In natura il sale si trova in abbondanza. La maggior parte di esso è disciolta in acqua per formare l’acqua marina, l’altra parte invece si trova allo stato solido come minerale nei giacimenti di terraferma.

Al suo interno troviamo numerosissime sostanze, tra le quali vi sono il cloruro di sodio, i sali di magnesio, di calcio e di potassio. Per questo motivo possiamo dire che il sale sia essenziale per la vita sulla terra, infatti, non è un caso che la maggior parte dei fluidi e dei tessuti che formano gli esseri viventi ne contengano in una certa quantità.

Caratteristiche e Proprietà del Sale Inegrale

A differenza del cloruro di sodio, che si presenta sotto forma di solido cristallino incolore, il sale integrale, essendo meno raffinato, può risultare dalla colorazione più scura; ad ogni modo presenta le seguenti caratteristiche fisiche:

  • Densità: 2,16 g/cm3
  • Solubilità in acqua: 358 g/l a 293 K
  • Temperatura di fusione: 801°C
  • Temperatura di ebollizione: 1461 °C

Produzione di Sale Inegrale

Fin dai tempi più antichi il sale viene prodotto a partire dalle saline. La sua produzione parte proprio dall’acqua di mare che viene raccolta in grandi vasche dette evaporanti; queste risultano essere impermeabilizzate e hanno una bassa profondità.

Una volta che l’acqua di mare si trova a stazionare dentro le vasche, per effetto dell’irraggiamento solare, avviene la concentrazione della salamoia.

Durante la fase di concentrazione si verifica la precipitazione dei sali diversi dal cloruro di sodio e, di conseguenza, la salamoia viene trasferita in un altro tipo di vasche dette decalcificanti.

Quando viene raggiunta la concentrazione di circa 300 g/l di NaCl, la salamoia viene trasferita nelle vasche cristallizzanti, in cui si ha precipitazione del cloruro di sodio che, una volta solidificato, si deposita sul fondo di esse e viene raccolto con delle particolari macchine che lo trasferiscono per la fase di raffinazione. In quest’ultima fase si procede all’eliminazione dei sali diversi dal coluro di sodio.

Nonostante questo processo di produzione che risale fin dai tempi antichi, il sale può essere prodotto seguendo differenti metodologie, come ad esempio:

  • Evaporazione indotta: in questa metodologia la salamoia trattata viene concentrata in evaporatori-cristallizzatori affinché venga prodotto un sale di altissima purezza e di granulometria uniforme.
  • Estrazione da miniera: in questo caso il sale viene estratto da giacimenti in cui il cloruro di sodio si trova allo stato solido poiché residuo di antichi mari. Qui il sale viene prodotto per coltivazione della miniera attraverso l’utilizzo di apparecchiature meccaniche di scavo, riuscendo così a ottenere un cloruro di sodio in grossi pezzi che verranno successivamente macinati e portarti a granulometrie commerciabili.

Campi di impiego

Sebbene in commercio esistano diversi tipi di sale, per la maggior parte essi sono composti da cloruro di sodio e, come possiamo facilmente immaginare, anche il sale integrale viene spesso impiegato in molteplici campi d’impiego come:

Settore Piscine

Il sale viene impiegato da decenni per la clorurazione dell’acqua mediante l’elettrolisi, in modo da consentire l’igienizzazione e mantenere l’acqua pulita nelle piscine senza l’aggiunta di cloro; inoltre semplifica notevolmente la manutenzione delle stesse piscine.

Settore Alimentare

Il sale, essendo un esaltatore di sapidità viene usato in ambito culinario da sempre sia per insaporire i cibi che per garantirne la loro conservazione ottimale. In particolare, questa ultima proprietà deriva dall’effetto disidratante che il sale trasmette sui materiali con cui viene a contatto, poiché è capace di estrarre l’acqua per osmosi.

Uso Agricolo / Zootecnico

In agricoltura, il sale viene spesso impiegato per facilitare l’integrazione alimentare del bestiame che vede spesso la mancanza di cloro e sodio nell’alimentazione di bovini e ovini.

Campo Medico

In ambito medico il sale, una volta addizionato con elementi particolari, può essere prescritto per la prevenzione e la cura da diverse malattie come gozzo e ipertensione. Inoltre, Il sale marino integrale è considerato in medicina biologica un coadiuvante della normale alimentazione e perciò un valido rimedio per numerose carenze che generano squilibri ormonali, ghiandolari e nervosi.

Uso Domestico

In ambito domestico il sale viene usato tempestivamente per facilitare la rimozione di alcune macchie dai vestiti ma anche per la pulitura di superfici in rame e per rimuovere i cattivi odori.

Settore Chimico

All’interno dei laboratori chimici il sale viene ampiamente utilizzato come reagente; per esempio è stato visto che può essere utile per migliorare gli effetti della precipitazione dei prodotti al termine di una saponificazione.

Impiego come Antigelo

Il sale costituisce un valido alleato contro il ghiaccio, infatti, sparso sulla superficie ghiacciata riesce a procurarne lo scioglimento.

Settore Energetico

Il sale agisce anche come dissipatore di calore e, proprio per il suo elevato calore di fusione, in campo energetico permette di immagazzinare 259 kWh/m³ di energia termica a temperatura costante.

Produzione PVC

Il cloruro di sodio viene impiegato in ambito industriale anche nella produzione della plastica chiamata PVC, per l’appunto polivinilcloruro.

Industria Metallurgica

Nella metallurgia, il sale può essere utilizzato nella carbocementificazione, nella tempra dei metalli e nella raffinazione dell’alluminio.

Uso Cosmetico

Nella cosmesi, il sale è comunemente usato disciolto nei bagni e aggiunto come ingrediente ad alcuni prodotti cosmetici.

Curiosità sul Sale Integrale

In Italia, le principali saline si trovano in Puglia, in Romagna, in Sardegna e in Sicilia. In particolare il sale marino prodotto nelle saline di Trapani ha ottenuto il riconoscimento IGP ed è presidio Slow Food.