Probios 30

Probios 30 additivo per impianti di depurazione

Probios 30 è un additivo, biostimolatore per impianti di depurazione. Si tratta di un biostimolatore utilizzato per la lotta al bulking ed incremento efficacia depurativa.

Formati Disponibili

  • Fusto da 25 kg

Probios 30 – Biostimolatore

Cosa è Probios 30 – Biostimolatore impianti di depurazione

Probios 30 è un additivo, biostimolatore per impianti di depurazione.

La linea di prodotti Probios, sono una combinazione di sostanze biochimiche capaci di agire sui batteri degli impianti di depurazione biologica aerobica. L’utilizzo dei prodotti di questa serie permette di godere di numerosi vantaggi, tra i quali:

  • Ostacola o respinge il fango gonfiato.
  • Elimina le fughe di fango dal sedimentatore finale.
  • Consente una rapida costituzione della necessaria biomassa negli avviamenti.
  • Permette la costituzione di una sufficiente biomassa anche dove, per motivi di tossicità e inibizione, il fango attivo non cresce.
  • Aumenta lo sfruttamento dell’ossigeno immesso attraverso l’aumento catalitico del trasferimento di ossigeno nel fiocco batterico.
  • Aumenta il numero dei batteri viventi nel fiocco.
  • Accelera la decomposizione delle sostanze organiche e riduce l’emissione di odori.

Caratteristiche di Probios 30

  • Aspetto: polvere impalpabile
  • Colore: beige
  • Formulazione: sostanze naturali, alginati, oligoelementi
  • Densità apparente: 1,45 ± 0,05 g/ml
  • pH sol 1%: 8,6 ± 0,5
  • Solubilità in acqua: in parte solubile, in parte disperdibile

Modalità d’impiego e dosaggi:

I prodotti della serie Probios vanno dosati sul riciclo del fango o in vasca di ossidazione.

L’impiego di questi prodotti non dipende soltanto dalla quantità di acque da trattare ma dipende sia dalle varie caratteristiche presenti allo stato di fatto, sia dagli obiettivi da raggiungere. Pertanto si consiglia una consulenza con i nostri tecnici prima di ogni nuovo utilizzo.

Generalmente il quantitativo da impiegare dipende dal problema specifico da risolvere e va riferito al
carico inquinante e non alla portata idraulica. Infatti i dosaggi sono da adattare caso per caso, ma possiamo dare un’idea generale che può essere presa come riferimento per la risoluzione di problematiche di media entità:

  • trattamento shock di 20-25 g/Kg di COD da eliminare;
  • trattamento di mantenimento nell’ordine di 5-10 g/Kg di COD da eliminare;